Eccoci!

LOCANDINA DECAMERON  defintiva.jpg

Annunci

Motti da legare!

DSC_0842.jpg

27 Febbraio, di nuovo in strada. Oggi con gli studenti dell’ IC  Puglisi, seguiti dalle prof.sse P. Campagna, L. Marchetta, A. Cosenza, che hanno preparato un laboratorio per i bambini di Ballarò, iniziato con una melodia suonata al flauto e concluso con la cucitura di un libro.

Tutti  “Motti da legare”, insomma:  il famoso Chichibìo con la sua la gru e Cisti fornaio, riscritti e raccontati dai ragazzi in dialetto siciliano, i disegni dei bambini e i motti di spirito e gli antichi proverbi raccolti tra i passanti. Ne è venuto fuori un libretto, curato e colorato, che presto vi mostreremo.

Senza titolo.001

L’anima della fiamma. Lezione di Chimica

13 Febbraio. Subito dopo la scuola. Un’aula del Benedetto Croce. Un computer. Alcune beute. Fiammiferi. Una candela. Il tubo di Rubens e la marcia di Radetszkj. Per far cosa? Per vedere le fiamme danzare. Il prof. Giuseppe Caputo, del dipartimento di Ingegneria dell’Università di Palermo, ha mostrato con alcuni esperimenti come si possa dare forma concreta alle onde sonore e verificare che si muovono in modo sinusoidale. Persino al ritmo della musica. Se il suono si propaga all’interno del tubo di Rubens (un tubo alimentato con gas combustibile e forato per far passare le fiamme), si crea un’onda sonora stazionaria, così le fiamme che fuoriescono dal tubo seguono la forma dell’onda disegnando il suo movimento.

l'anima della fiamma

 

 

 

POESIA, SEGNI, CARATTERI MOBILI

DSC_0940.jpg

Si è tenuta lo scorso 19 dicembre la prima lezione del laboratorio di strada del prof. Lanfranco Quadrio sul rapporto tra poesia, segno grafico e stampa. Prendendo spunto da S’i’ fosse foco, arderei l’mondo di Cecco Angiolieri, gli studenti hanno composto alcune poesie sul fuoco. La prossima volta, mercoledì 9 gennaio, i loro versi verranno associati ad una forma grafica di loro invenzione. La forma poetica e il segno, infine, si incontreranno in un piccolo libro cucito a mano e stampato con caratteri mobili. Grazie a Loredana D’Ippolito per le fotografie.

Senza titolo.001.jpeg

IL NOSTRO LOGO

 

Schermata 2018-12-18 alle 23.22.39.png

Oggi prende forma, grazie ad Anna Maria Amorello, il logo dei Classici in strada.

Il reticolo delle strade è tratto dalle trame di una foglia, mentre i colori sono quelli variopinti della città. I contorni sono imperfetti e irregolari come lo sono le vie dove scorre la vita e le foglie che si somigliano, ma non corrispondono l’una all’altra.

A LEZIONE DAL CICLOPE

DSCN3127.JPG

“Chi è straniero in questo gruppo?” Inizia così, con una domanda, la lezione di strada di Isabella Tondo sul ciclope Polifemo e con una domanda si conclude: “siamo sicuri che i greci non apparissero come stranieri (e anche un po’ strani) a Polifemo, proprio come lui lo era per Ulisse e i suoi compagni?” In effetti non ne siamo sicuri. Ci tocca provare diverse  scene dell’Odissea per vedere meglio il volto dello straniero, ma anche così non basta. Alla fine i bambini costruiscono insieme a Maria Laura Pitingaro una maschera del ciclope e provano a vedere il mondo con un occhio solo.  A mercoledì 19 dicembre  con il laboratorio Parole, segni e caratteri mobili di Lanfranco Quadrio!

Senza titolo.001

PALLA OVALE

Schermata 2018-12-06 alle 00.39.50.png

Flavia Spinella e Francesco Immesi oggi pomeriggio hanno portato la palla al campetto di San Benedetto il Moro. La palla non è tonda, ma ovale. E non serve per giocare a calcio, ma a rugby.  Il campo, invece, lo mette Ballarò e pure molti  dei ragazzi che si fermano, guardano, si uniscono al gioco per conquistare la palla ovale. Le mete sono a colori e Flavia dà le regole: si corre, si passa, si “abbraccia” l’avversario per fermarlo e….si parte. All’inizio si gioca in una porzione del campetto, ma pian piano il gioco coinvolge tutti e la corsa diventa a tutto campo, fino a sera. Fino a quando la candelina della torta di compleanno di una bambina non si accende per ricordarci che è festa ed anche un po’ tardi… Chi ha vinto?  Bisognerebbe chiederlo a San Benedetto il Moro: forse lui, mentre tutti correvano, si inseguivano, lottavano e ridevano ha segnato i punti, o forse no.

Senza titolo.001.jpeg

SECONDA LEZIONE POPOLARE: L’ODISSEA DELLA MIA VITA

palermo-vista-dall-alto-01

Oggi il maestro popolare Castrenze Chimento ci ha raccontato la storia della sua durissima infanzia,  di come ha cercato di imparare a scrivere da adulto, della conquista della scrittura per dare voce alla sua storia. Quella storia, grazie all’aiuto di Patrizia del Centro S. Saverio, e di un’incrollabile forza morale, è diventata un libro (Lasciato nudo e crudo, Terre di mezzo 2012) apprezzato e premiato, ma è soprattutto diventata l’occasione per incontrare  altre persone e in primo luogo i giovani. Una sofferta storia personale per intessere altre storie, per spingere le altre generazioni a credere che si possono cambiare le cose e che ciascuno può scrivere la propria vita.

E se ci si vergogna? Se non ci si vuole esporre? Se non si trova la forza e la voglia di raccontare? Allora si può parlare della propria vergogna, si può dare la propria emozione come si dà un dono o come si dà un bacio. E difatti Castrenze ci ha valuto dare quel dono e salutare uno ad uno con un bacio.

Senza titolo.001

Ci vediamo mercoledì prossimo a piazzetta Mediterraneo con i bambini e i ragazzi per una partita di football americano: venite in tuta e pronti a correre.

PRIMA LEZIONE DELLA SCUOLA E DELL’UNIVERSITA’ POPOLARI

Schermata 2018-11-19 alle 23.26.28

Mercoledì 14 novembre a Piazzetta Mediterraneo, Emilio Ajovalasit e Preziosa Salatino hanno offerto a passanti e studenti la prima lezione di scuola popolare sulla narrazione a teatro.

Abbiamo fatto dei piccoli esperimenti, ascoltato brani di narrazioni teatrali accompagnati dalla fisarmonica o soltanto dai gesti del corpo. Abbiamo visto il teatro prendere forma e abbiamo capito che non c’è teatro senza incontro umano.

Abbiamo anche fatto delle sculture con i nostri corpi… pericolanti, ma interessanti. Ecco alcuni momenti della lezione e a mercoledì prossimo  con Castrenze Chimento a Piazza Colajanni alle 15.30.

Lezione pop 1.001.jpeg